TPL: SINDACATI “SERVE IMPEGNO SU AUMENTO RISORSE E AVVIO RIFORMA”

TPL: SINDACATI “SERVE IMPEGNO SU AUMENTO RISORSE E AVVIO RIFORMA”

ROMA (ITALPRESS) – “Un impegno da parte del Governo, del Parlamento e dei gruppi di Camera e Senato per aumentare le risorse e definire una riforma strutturale del trasporto pubblico locale”. Lo chiedono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro in una lettera inviata al ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti e al ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini e ai gruppi parlamentari di Camera e Senato, sottolineando nella
missiva che “questo, in considerazione delle criticità del settore e della scadenza del contratto nazionale che coincide con l’approvazione della manovra di bilancio, è il momento di agire a garanzia del sistema, a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e della cittadinanza. Gli effetti negativi della crisi economica e salariale – scrivono le organizzazioni sindacali – in un settore esposto a criticità strutturali, dovute all’assenza di una riforma e all’insufficienza delle risorse del Fondo nazionale rasporti, stanno generando una serie difficoltà nell’ingaggio di nuovo organico, soprattutto autisti, nonché significative ripercussioni sull’erogazione del servizio e sulle condizioni lavorative del personale front line a causa di aggressioni quotidiane”.
TPL: SINDACATI “SERVE IMPEGNO SU AUMENTO RISORSE E AVVIO RIFORMA”-2- “Il settore – chiedono infine le organizzazioni sindacali nella lettera al Governo – necessita di interventi mirati e non più procrastinabili quali, prioritariamente, l’aumento e l’indicizzazione del Fondo nazionale trasporti, la rivisitazione dell’impianto legislativo che regolamenta il settore, la redazione di un nuovo Testo unico del Tpl, l’ampliamento dei bacini minimi di gara ed interventi concreti e risolutivi, volti a garantire la
sicurezza degli operatori del settore e di tutta l’utenza dei mezzi pubblici”.

UGL AUTOFERRO: FABIO MILLOCH RIELETTO SEGRETARIO NAZIONALE ALL’UNANIMITA’

UGL AUTOFERRO: FABIO MILLOCH RIELETTO SEGRETARIO NAZIONALE ALL’UNANIMITA’

Nelle giornate del 20, 21 e 22 settembre, presso l’Hotel Antonella di Pomezia, si sono svolti i lavori del VI Congresso della Federazione Ugl Autoferro, intitolato “IL FUTURO DEL TRASPORTO PUBBLICO”, che ha visto la riconferma alla sua guida del Segretario Fabio Milloch, segno della soddisfazione e della fiducia dei risultati raggiunti dall’intera Federazione. Il Segretario, rinnovato all’unanimità, ha dato l’avvio al Congresso con una relazione ricca di contenuti: dalle sfide del PNRR sui trasporti, agli investimenti necessari, dalla necessità della rivisitazione del salario degli autoferrotranvieri alla denuncia forte della piaga delle aggressioni del settore.
Parterre d’eccezione per quest’assise: dagli ospiti della politica, alle Istituzioni ed alle Associazioni Datoriali ed alle Organizzazioni Sindacali. Hanno portato il loro saluto ed il loro intervento ricco di spunti ad una platea numerosa di delegati e delegate giunti da tutta Italia, l’on. Salvatore Deidda, Presidente della Commissione Trasporti alla Camera, il senatore Claudio Durigon, Sotto Segretario al Lavoro, il senatore Maurizio Gasparri, Vicepresidente del Senato, il deputato Marco Osnato, gli Europarlamentari Nicola Procaccini, Carlo Fidanza e Susanna Ceccardi, i Consiglieri Regionali del Lazio Fabrizio Ghera, Marco Bertucci, Micol Grasselli.  Significativi e proiettati verso una nuova intensa stagione contrattuale gli interventi dei Presidenti delle Associazioni Datoriali Asstra Andrea Gibelli, Anav Nicola Biscotti ed Agens Arrigo Giana, così come il Commissario della Commissione Garanzia Sciopero Paolo Reboani ed il prof. Dario Lo Bosco Presidente di RFI, che ha arricchito la visione congressuale con la prospettiva del trasporto su ferro.   Presenti i Segretari di Filt Cgil Daniele Fuligni, Fit Cisl Eliseo Grasso, Uiltrasporti Roberto Napoleoni e Faisa Cisal Mauro Mongelli.
E’ intervenuto il Segretario Generale dell’Unione Generale del Lavoro, Francesco Paolo Capone.
I lavori congressuali sono stati anche preziosa occasione per un momento toccante e significativo, con la presenza del fuciliere Massimiliano Latorre a presentare il libro “Il sequestro del marò” e a raccontare, con commozione e tenacia, una storia di valore e di disciplina, un atto straordinario di responsabilità eroica.
“Ci vuole coraggio a fare l’Autoferrotranviere oggi. Serve la forza delle idee ed il coraggio di viverle, specie quando questa scelta implica l’affrontare responsabilità immani ed un destino che può non essere gentile”.

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [475.67 KB]

Bus Mestre: Sindacati, altra tragedia colpisce pesantemente i trasporti

Bus Mestre: Sindacati, altra tragedia colpisce pesantemente i trasporti

Il settore sta vivendo fase drammatica

Un’ altra tragedia colpisce pesantemente i trasporti. Ad affermarlo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro sull’incidente di Mestre, aggiungendo che il nostro pensiero va prima di tutto alle vittime, dall’autista ai passeggeri, alcuni dei quali sopravvissuti ma la cui condizione rimane gravissima.
Non è possibile fermarsi alla sola manifestazione di cordoglio e dolore – proseguono le organizzazioni sindacali – ma per evitare tragedie simili è certamente necessario osservare però come il settore dei trasporti stia vivendo una fase drammatica rispetto alla quale è necessaria una riposta di sistema che guardi alla qualità delle infrastrutture, alla condizione reale dei settori, agli adeguamenti necessari sul piano della sicurezza e alla qualità del lavoro. Temi sui quali da tempo richiamiamo le istituzioni alle loro responsabilità.

Rimaniamo in attesa – dichiarano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro, che si faccia luce sulle dinamiche anche per assumere le opportune iniziative.

AVVIO DEL CONFRONTO PER IL RINNOVO DEL CCNL AUTOFERROTRANVIERI-INTERNAVIGATORI:

AVVIO DEL CONFRONTO PER IL RINNOVO DEL CCNL AUTOFERROTRANVIERI-INTERNAVIGATORI:

Si è svolta questa mattina a Roma, presso la sede dell’Asstra, la prima riunione tra le Organizzazioni sindacali e le Associazioni datoriali per l’avvio del confronto per il rinnovo del Ccnl autoferrotranvieri-internavigatori (mobilità-tpl).
Le OOSS hanno rimarcato la necessità di intervenire nel settore con forti azioni di sistema per rivedere l’intero impianto normativo e finanziario del trasporto pubblico locale.
La grande difficoltà nel reperire personale rende evidente che bisogna rivedere e aggiornare sia la parte normativa del contratto per garantire più benessere lavorativo e un maggior bilanciamento tra i tempi di vita e quelli di lavoro, sia prevedere il recupero del potere d’acquisto crollato negli ultimi anni e per questo è necessario un aumento delle retribuzioni per tutti i lavoratori del settore.
È stata evidenziata dalle OO.SS. la necessità di cercare di arrivare ad una sintesi adeguata quanto prima possibilmente entro la scadenza naturale del Ccnl prevista per il 31 dicembre di quest’anno. I prossimi incontri sono stati fissati per il 30 ottobre e 7 novembre.
Roma, 26 settembre 2023
Le Segreterie Nazionali